Elaborate in 6 parti le Linee pedagogiche per il sistema integrato “zerosei”

Elaborate in 6 parti le Linee pedagogiche per il sistema integrato “zerosei”

In piena emergenza pandemica, con l’inizio della Dad, sono state elaborate le Linee pedagogiche per il sistema integrato “zerosei”.  Il Covid-19 ha evidenziato la necessità di contesti educativi di elevata qualità per garantire a tutti i bambini pari opportunità di crescita, sviluppo, socialità, apprendimento, gioco e relazione. Le linee pedagogiche del Ministero dell’Istruzione (SCARICA E LEGGI LA SCHEDA), infatti, sono aggiornate agli ultimi studi sulla condizione e sullo sviluppo infantile in campo psicologico, pedagogico e sociologico. Esse mirano a riaprire il dibattito sulla qualità dei servizi educativi e propongono coordinate per la progettazione dell’offerta didattica.
Le linee pedagogiche sono strutturate in 6 parti.
Nella prima, inerente ai diritti dell’infanzia, si sottolinea che il diritto formalmente riconosciuto ad ogni bambino all’educazione e all’istruzione deve tradursi in scelte legislative, ammnistrative e organizzative. Questo spetta allo Stato, alle Regione, ai Comuni ed ai gestori pubblici e privati.
Il secondo punto analizza il contesto sociale e multiculturale in cui le scuole operano: una “ricchezza difficile” che richiede nuove competenze ai professionisti dell’educazione.
Il terzo punto rimarca che al centro del progetto educativo debba sempre esserci il bambino, con la sua personale individualità e diversità: chi opera all’interno dei servizi educativi deve essere in grado di accoglierlo e sostenerlo.
La quarta e la quinta parte approfondiscono la progettualità dei servizi educativi, trattendo delle scelte organizzative e delle competenze del personale educativo.
Nell’ultima parte, “le garanzie della governance”, si individuano interventi strategici per costruzione del sistema integrato.  Alcune operazioni menzionate sono l’introduzione (o il rafforzamento) della figura del coordinatore pedagogico e del coordinatore pedagogico territoriale e l’espansione dei Poli per l’infanzia come laboratori permanenti di ricerca, innovazione, partecipazione e apertura al territorio affinchè possano anche diventare veri e propri punti di riferimento per le famiglie i bambini e la comunità nel suo complesso.
Fino al 10 luglio 2021, gruppi organizzati di stokeholder e singoli soggetti, potranno avanzare suggerimenti e modifiche da apportare al testo base delle Linee pedagogiche.
Questo sarà possibile tramite incontri di audizione a livello nazionale e territoriale e tramite due strumenti di raccolta informazioni: un questionario strutturato ed una scheda di lettura. L’azione di consultazione pubblica consentirà alla Commissione nazionale per il Sistema integrato di educazione e istruzione di rivedere il documento base alla luce delle osservazioni emerse.


Marianna Salamone

 

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos