Parte il 27 settembre la Pnrr Academy: 360 ore di formazione per i dipendenti

Parte il 27 settembre la Pnrr Academy: 360 ore di formazione per i dipendenti

Per agevolare l’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, in collaborazione con Ifel Fondazione Anci, ha dato vita alla PNRR Academy. L’obiettivo del progetto è accrescere le competenze dei dipendenti pubblici aumentando la capacità operativa delle amministrazioni pubbliche destinatarie dei fondi e fornire strumenti adeguati alla gestione delle diverse fasi degli appalti pubblici. Coinvolti, nella realizzazione del progetto, l’Istituto per l’innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale (ITACA) e la Scuola Nazionale dell’Amministrazione (SNA).

L’iniziativa è stata illustrata il 27 luglio 2021 dal Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, nel corso di una videoconferenza alla quale hanno partecipato il Presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, e il Presidente di Anci Nazionale, Antonio Decaro. «Un’occasione straordinaria per accrescere le competenze dei dipendenti pubblici, di tutti i livelli di governo» afferma Decaro «la buona riuscita del PNRR dipenderà anche dalla capacità del sistema e del personale della P.A di stare insieme e di gestire, in modo consapevole, le diverse fasi del percorso che ci attende».

L’ Academy partirà il 27 settembre 2021 e prevede 360 ore di formazione. Il progetto sarà articolato su tre percorsi a distanza attraverso dei webinar: il primo si rivolgerà ai Rup (responsabile unico del procedimento) e al personale delle stazioni appaltanti nazionali, regionali e locali; il secondo ai Rup e al personale dei soggetti aggregatori, delle centrali di committenza e dei provveditorati alle opere pubbliche; il terzo al personale delle amministrazioni impegnate nelle attività di ricostruzione post sisma del 2016.  Così, Pnrr Academy si rivolge a un bacino potenziale di circa 60.000 persone.

«Al fine di accelerare le procedure per l’attuazione degli investimenti pubblici e per l’affidamento di appalti e concessioni, il Mims ha istituito un fondo per iniziative di aggiornamento professionale»  sottolinea il Ministro Giovannini. «La qualificazione delle stazioni appaltanti, spesso rappresentate dagli enti territoriali, è un fattore ineludibile dato che l’Europa ha indicato tempi certi entro cui realizzare i progetti finanziati dal Next Generation Eu. L’Italia – prosegue il Ministro – ha non solo grandi stazioni appaltanti, come Ferrovie e Anas, ma anche una rete diffusa di stazioni di medie dimensioni che deve essere rafforzata. Il Piano nazionale di formazione per l’aggiornamento professionale del Responsabile unico del procedimento è una risposta a questa esigenza».  Infatti, nello stesso percorso delineato dal Ministro, rientra il concorso per l’assunzione di 120 ingegneri al Mims che a breve verrà pubblicato  in Gazzetta ufficiale.

Per scaricare le slide del Piano di formazione Pnrr Academy clicca qui

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos