Piani di Protezione Civile, i Comuni hanno un anno di tempo (o trentasei mesi)

Piani di Protezione Civile, i Comuni hanno un anno di tempo (o trentasei mesi)

È stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n.160 del 6 luglio 2021 la direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 aprile 2021 recante gli “Indirizzi per la predisposizione dei piani di protezione civile ai  «diversi livelli territoriali» con lo scopo di definire le modalità di organizzazione e svolgimento dell’attività di pianificazione di protezione civile al fine di garantire un quadro coordinato in tutto il territorio nazionale e l’integrazione tra i sistemi di protezione civile dei diversi territori. (LEGGI LA DIRETTIVA)
La Direttiva comprende una parte di corpus normativo, che reca finalità e principi e detta i tempi di attuazione da parte di Dipartimento della Protezione Civile e Regioni e un allegato, che ne è parte integrante, e che disciplina gli elementi strategici minimi indispensabili per i contenuti dei piani di protezione civile.(LEGGI L’ALLEGATO)

La pianificazione di protezione civile viene definita dalla nuova disposizione come un’attività di sistema, che le Amministrazioni ai diversi livelli territoriali devono svolgere congiuntamente per la preparazione e la gestione delle attività di protezione civile, nel rispetto dei principi di sussidiarietà, differenziazione e adeguatezza. La finalità del provvedimento è omogeneizzare il metodo di pianificazione di protezione civile ai diversi livelli territoriali:
1) nazionale;
2) regionale;
3) provinciale/città metropolitana/area vasta;
4) ambito territoriale e organizzativo ottimale;
5) comunale.

La Direttiva specifica che alla definizione dei piani di protezione civile comunale, al loro aggiornamento ed alla relativa attuazione devono concorrere tutte le aree/settori dell’amministrazione (es. urbanistica, settori tecnici, viabilità) sotto il coordinamento del Servizio di protezione civile comunale ove esistente.
A livello comunale, si provvede alla predisposizione dei piani comunali di protezione civile sulla base degli indirizzi regionali. Tutti i comuni hanno tempo 12 mesi dall’emanazione delle linee guida regionali, che a loro volta dovranno essere definite entro 12 mesi dalla pubblicazione della Direttiva. In mancanza delle linee guida regionali, i comuni comunque devono procedere all’aggiornamento dei Piani necessariamente entro 36 mesi dalla direttiva.

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos