Sicurezza nei cantieri
e lavoro nero, siglato “accordo organizzativo” alla Prefettura di Salerno

Sicurezza nei cantieri </br>e lavoro nero, siglato “accordo organizzativo” alla Prefettura di Salerno

Sicurezza nei cantieri e contrasto al lavoro nero al centro di un “Accordo organizzativo” sottoscritto dal Prefetto di Salerno  Francesco Russo, presso il Palazzo del Governo, con i rappresentanti di Ispettorato Territoriale del Lavoro, Azienda Sanitaria Locale, Direzioni Provinciali di INPS e INAIL, Associazione Costruttori Edili di Salerno (ANCE), ANCI Campania, Cassa Edile Salernitana, Ordini professionali di Ingegneri, Architetti e Geometri, Organizzazioni sindacali di categoria Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea-Cgil e, per adesione, Questura, Comando provinciale dei Carabinieri e Comando provinciale della Guardia di Finanza di Salerno.
Il documento rappresenta il “punto di arrivo” di un percorso iniziato alcuni mesi fa, quando, nel pieno della pandemia, la Prefettura aveva dato impulso ad un’attività straordinaria di controlli ad opera degli organi preposti alla vigilanza nei luoghi di lavoro e delle Forze di Polizia all’interno di aziende, cantieri e RSA.
Tale modello, sperimentato con successo, è stato poi esportato al comparto dell’edilizia privata, che costituisce una quota rilevante dell’economia salernitana e campana, in previsione di un possibile incremento dell’attività a seguito delle misure introdotte dal Governo per rilanciare il settore, fortemente colpito dall’emergenza epidemiologica in atto.
«Con la definizione ed attuazione del PNRR – Piano Nazionale di Rilancio e Resilienza e con gli incentivi in tema di Superbonus 110% – ha sottolineato il Presidente di ANCE Salerno Vincenzo Russo – avremo nei prossimi anni la concreta possibilità di utilizzare ingenti risorse per il rilancio del nostro territorio e, grazie anche al protocollo siglato oggi, tutti gli attori che ruotano intorno al comparto delle costruzioni saranno uniti nel raggiungere l’obiettivo nel più breve tempo possibile nel rispetto della trasparenza e della legalità».

Altro punto chiave dell’intesa è rappresentato dalla pianificazione di controlli periodici a carattere straordinario, di tipo congiunto – in aggiunta all’attività già ordinariamente svolta dagli Enti/Comandi competenti – destinati soprattutto ai cantieri “non dichiarati” e a quelli ritenuti “a rischio” o “sensibili”, che vedono coinvolti organi di vigilanza (Ispettorato Territoriale del Lavoro, ASL/SPSAL, INPS e INAIL) e Forze di Polizia, sia Statali (tra cui i reparti a competenza specialistica dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanzia) che Municipali, grazie al coinvolgimento dei Comuni da parte di ANCI Campania.
Secondo Mimmo Volpe, sindaco di Bellizzi e delegato di ANCI Campania, «il protocollo di oggi rappresenta un primo vero punto di partenza sulla tutela della sicurezza sui luoghi di lavoro, soprattutto sui cantieri edili». Gli amministratori locali, che sono stati favorevoli alla stesura di un protocollo fin dai primi incontri operativi tenutisi in Prefettura, hanno sottolineato che «oltre alla tutela della sicurezza sui luoghi di lavoro l’Accordo può essere preso ad esempio anche come un vero censimento sulle attività in Campania. Questo consentirà agli organismi di controllo di verificare in tempo reale tutte le autorizzazioni e la relativa conformità. Davvero un plauso al lavoro prodotto. È chiaro che ora spetta a tutti farlo applicare e rispettare».

(sintesi tratta da Ottopagine.it Salerno)

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos